Imprenditoria femminile con microcredito – Congo – Kinshasa

Posted on Posted in Completati

A sud est della capitale della R. D. del Congo, Kinshasa, si estende un grande agglomerato urbano, il comune di Kimbanseke. Il comune nato nel 1968 conta oggi circa 1 milione di abitanti.
Pur lontani dall’ultimo conflitto della regione del Kivu, le conseguenze della guerra che ha insanguinato tutto il Congo dal 1996 sono molto evidenti. Una di queste è la grande massa di rifugiati che si è riversata dalle altre regioni del Congo ma anche dall’Angola.
Come la maggior parte delle periferie delle grandi città africane, Kimbanseke si presenta come un agglomerato di baracche e strade di sabbia, degrado, insicurezza, grande povertà ed emarginazione: donne senza risorse, bambini e ragazzi di strada, rimasti soli o abbandonati dalle famiglie.

Il progetto
La comunità delle Suore di S. Giuseppe, con la quale collaboriamo da alcuni anni, gestiscono, tra l’altro, in un Centro realizzato nel comune di Kimbanseke, diverse scuole professionali abilitate al rilascio di regolari diplomi, come la scuola professionale di sartoria.
Terminati gli studi della scuola di sartoria alcune ragazze trovano occupazione presso sarte già in possesso di macchine, ma ricevono uno stipendio insufficiente al mantenimento della famiglia.
children onlus vuole offrire la possibilità alle più bisognose fra queste donne di realizzare – grazie al proprio lavoro – una vita dignitosa.
Abbiamo avviato un progetto di microcredito, per fornire loro gli strumenti di produzione necessari al mestiere, come le macchine per cucire e altri accessori e, nella fase iniziale, abbiamo procurato loro gli ordinativi di manufatti per avviare il lavoro.

Sono state selezionate 10 donne con figli a carico e già in possesso di diploma di sartoria ed è stata fornita loro una macchina a pedale per cucire e accessori (aghi, fili, forbici, metro, tessuto ecc.). Abbiamo inoltre commissionato 500 manufatti da destinare alla distribuzione solidale in Italia.

Le macchine sono state poste nell’atelier delle suore per tutto il periodo del progetto; al termine della restituzione del finanziamento, stabilita dell’80% dei costi sostenuti da children onlus, le macchine sono diventate proprietà delle donne che hanno potuto cominciare la professione di sarta.