Progetto Tanzania – Nkasi – Sostegno alla sanità locale

Posted on Posted in In Corso

 

Il distretto di Nkasi, nella regione Rukwa, si affaccia sulla parte sud del lago Tanganika, in un’area di 13.124 km² (grande quanto il Trentino-Alto Adige) e ha circa 300.000 abitanti, sparsi in 10 villaggi agricoli. Ci sono scuole primarie e secondarie e due professionali e il Monastero benedettino di Mvimwa, che sta diventando un centro importante per tutta la comunità.

In tutta l’area non ci sono ospedali veri e propri ma due centri medico-clinici, uno presso Namanyere, la capitale del distretto, l’altro presso il Monastero benedettino di Mvimwa.

Il distretto inoltre non ha laureati in medicina e chirurgia, ma utilizza, suddivisi in diversi settori specialistici, una figura professionale che si colloca tra il medico e l’infermiere (in termini di competenze, conoscenze ed anni di studio). Sono definiti general doctors (figura tipica di paesi anglosassoni, compreso gli USA, dove vengono utilizzati anche altri nomi: es. medical assistant).

A ottobre 2019 il dott. Enrico Davoli, nostro Presidente e supervisore dei progetti, in missione con altre associazioni, università ed enti si è recato in Tanzania e ha visitato il centro clinico presso il Monastero benedettino di Mvimwa e quello della capitale del distretto. Mentre il dispensario della capitale è poco utilizzato e male organizzato, il dispensario del Monastero, grazie agli aiuti ricevuti, è ben organizzato e dotato di strumenti chirurgici di ultima generazione e dispositivi medici e diagnostici.

Dopo una approfondita analisi del contesto e esaminate le esigenze della popolazione, il dott. Davoli, insieme agli altri partner, ha deciso di avviare, presso il Centro clinico del Monastero, la fondazione di un Centro per la Salute della Donna e del Bambino, con speciale attenzione alla disabilità neuromotoria e alla prevenzione dei tumori femminili.

L’associazione children ha deciso di supportarlo in questo ambizioso progetto con piccoli ma importanti interventi ad hoc, di volta in volta coprendo le esigenze che nel tempo si faranno evidenti.

             

Prima  iniziativa

Come primo passo, mentre viene organizzata la costruzione  del Centro, l’associazione children si propone di avviare con il dott. Davoli l’introduzione di concetti e servizi di alta qualità medico-scientifica in un contesto rurale dell’Africa, offrendo tecnologia sostenibile e know-how in maniera graduale ed oculata.
La prima iniziativa prevede la diffusione della ecografia medica, procedura diagnostica ben conosciuta in occidente, ma, nonostante abbia oggi più di 50 anni, alla portata di pochissimi in Africa.

Sarà necessario acquistare strumentario (=ecografi) e rendere disponibile la formazione per il personale. Sono stati individuati ecografi palmari, facilmente trasportabili e maneggevoli, che dovranno essere associati a tablet opportunamente configurati, con tutorial per la formazione del personale.

L’ecografia si applica a tutti i campi della medicina, che vuol dire che lo strumentario sarà utile in tutto, ma è necessaria la competenza per leggere bene le immagini ottenute. Il dott. Davoli, insieme ai partner, si adopererà per fare arrivare personale esperto e organizzare corsi di formazione.

Scopi prima iniziativa:

Scopi del programma saranno in particolare: la prevenzione del tumore al seno e il miglioramento della diagnosi di malattie pediatriche. L’ecografia permetterà soprattutto di diagnosticare tumori del seno, indirizzare all’intervento chirurgico ernie in stadio precoce nei bambini, evidenziare cisti amebiche o di echinococco nei bambini, comprendere se si presenta un parto podalico.

 

Costi previsti per la prima iniziativa:

3.500 € per n. 6 sonde ecografiche portatili (palmari – della grandezza di poco più di uno smartphone)

1.500 € per n. 6 tablet per ricezione e lettura delle immagini.

Tempi previsti per la fornitura degli ecografi: gennaio 2021